Salta navigazione.
Pioero Fest  Torre in Festa Home

Il Bel Sito del Pioero!!!

Dieci borghi a cavallo tra Lunigiana e Alpi Apuane dove si organizza la Pioero Fest e la Torre In Festa

L'escursione compiuta dalla nostra delegazione ha come base di partenza lo splendido villaggio di Campocatino, situato a quota 1000 metri. E' raggiungibile con auto da Gramolazzo se si arriva dalla Lunigiana. Attenzione, l'ultimo chilometro è in sterrato...una utilitaria non ha problemi, le Ferrari e le macchine dei truzzi con le minigonne lasciatele a casa.

 

Dalla piazzetta principale di Campocatino ci si incammina sul sentiero CAI n.177 all'interno del villaggio, aggirando da destra l'esteso prato a forma di conca. Dopo due ore e mezza e senza particolari difficoltà si arriva al Passo della Foccolaccia posizionato sullo spartiacque della Tambura. Da qui potete osservare tutto il litorale da Viareggio fino a Porto Venere. In basso a destra, ad una distanza di 100 metri potete osservare il Bivacco Aronte (foto n.14)

Salite a sinistra sul crinale, anche in questo caso senza particolari difficoltà, e dopo mezz'ora arrivate in vetta del Monte Tambura (metri 1895). Proseguite il giro scendendo il monte verso Sud e dopo un'ora arrivate al Passo della Tambura incrociando la famosa Via Vandelli (sentiero cai n. 35). Svoltate a sinistra verso l'entroterra, salutando il mare. Dopo circa un'ora di cammino sui ruderi di questa splendida Strada, si arriva ad una cava dove dovete svoltare a sinistra seguendo il sentiero 147.

Attenzione, come vi mostra la foto n.49, una indicazione parla di breve tratto attrezzato. Infatti dopo 5 minuto di cammino si raggiunge un tratto attrezzato che aiuta a scendere un ripido dislivello di 10 metri (vedi foto n.17). essendo molto esposto è opportuno portarsi tre moschettoni e due fettuccie per improvvisare una longe. Passato il punto critico, ancora un'ora di tragitto tranquillo in mezzo al bosco e si arriva sopra l'eremo di San Viano. Per chi non lo conosce merita una visita questo suggestivo santuario ricavato all'interno di una grotta (mezz'ora tra discesa e risalita all'eremo). Ritornati sul sentiero principale, dopo mezz'ora si raggiunge Campocatino.

L'anello si compie in sei ore e trenta (senza la visita all'eremo di San Viano). E' un percorso classificato EE (Escursionisti Esperti) ma meno pericoloso delle Pisanino e del Pizzo d'Uccello. Attenzione al tratto attrezzato tra le cave e il bivio per l'eremo di San Viano!.

Quattro fotografi hanno immortalato ogni centimetro del percorso. Di seguito i loro nomi (in rigoroso ordine alfabetico) e le foto.

  • Grande Albe
  • Beppe
  • Miche
  • Samuele (titolare di sito internet pieno di belle donzelle)
  • Il reportage fotografico